Cibo & Psiche: le emozioni sono servite

13 Novembre 2017 Author :  

Namastè cari lettori!
Oggi parleremo di Cibo!
Tra le tante mode della società contemporanea pare che il cibo stia diventando fonte di grande interesse. Aumenta l’attenzione per la qualità, per la provenienza, per le modalità di cottura, insomma ci si interroga sempre più spesso su come poter utilizzare il cibo per tendere ad un sano equilibrio. La stessa relazione tra lo stesso e la psiche viene ad essere presa maggiormente in considerazione.
Di fatti c’è una massima che dice:
Dimmi quel che mangi e ti dirò chi sei. (Anthelme Brillat-Savarin)
Ma andiamo per ordine e cerchiamo di capire cosa sia realmente il cibo per l’essere umano. 

Cos’è il cibo?
Il cibo rappresenta tutto il nostro mondo, in esso si racchiude tradizione, cultura, religione, appartenenza, vita, corpo, attaccamento.
Sin dal suo concepimento, il cibo diventa importantissimo per l’essere umano. Attraverso il cordone ombelicale il cibo permette a quest’ultimo di svilupparsi e allo stesso tempo si struttura quella che sarà, con molta probabilità, la relazione più profonda e indissolubile della sua vita. Questa relazione diventa ancora più profonda attraverso l’allattamento. È proprio in questa fase, delicatissima, che il bambino inizia ad avere contezza di come potersi relazionare al mondo. Con gli anni, è ancora il cibo che attraverso il rituale dei pasti aiuta l’individuo a ritagliarsi del tempo da condividere con i propri affetti. I pasti diventano un momento utile per riunirsi e festeggiare e rinsaldare rapporti significativi. Insomma sembra che il cibo scandisca gli eventi basilari della nostra vita!
Un altro aspetto fondamentale risulta essere a valenza simbolica del cibo, comparabile a quella del sesso. Entrambi arrecano piacere all’uomo, entrambi danno nutrimento nel corpo e nello spirito, acquisendo una forte valenza sociale.
L’importanza del cibo è tale da essere oggetto di numerose ricerche, tra cui quella di Simonelli (2012), dove si è osservata la relazione stretta tra il cibo e la vita affettiva.
In effetti è proprio vero, e non dobbiamo andare molto lontano per osservare questa connessione, di sicuro sarà capitato ad ognuno di voi di cambiare le proprie abitudini alimentari in seguito a momenti di agitazione, tristezza o rabbia. Magari vi sarà capitato di svegliarvi durante la notte con la voglia irrefrenabile di cioccolato!
Beh! il rapporto con il cibo esprime il nostro bisogno di gestire la nostra emotività! Purtroppo molto spesso, è talmente tanto difficile gestire le mostre emozioni, che ne veniamo totalmente sopraffatti e il cibo sembra l’unica scorciatoia utile per lenire tutte questa sofferenza, conducendoci a sviluppare delle abitudini alimentari patologiche.
Da come abbiamo potuto vedere, il nutrirsi e le emozioni sono strettamente connessi, di fatti questa connessione ha base anatomica, poiché l’area cerebrale destinata a regolare gli impulsi sessuali, alimentari ed emotivi risiede nel sistema Limbico, costituito dall’Amigdala e l’Ipotalamo. Riuscire a riconoscere le nostre emozioni, magari riuscendo a gestire anche l’impulso a mangiare, con lo scopo di sedarle, sarebbe un buon punto di partenza.
Queste conoscenze sottolineano una profonda correlazione tra la scienza Nutrizionale e la Psicologica, ed è proprio per questo che sono onorata di presentare un nuovo membro dell’equipe della Rubrica Namastè, il dr. Francesco Ruggiero un giovane nutrizionista, appassionato sin da piccolo agli alimenti e alle tematiche inerenti la salute umana, ambientale e all’etica in generale.
Il dottor Ruggiero abbraccia lo studio della composizione corporea a 360° di un individuo, dalle abitudini allo stile di vita in generale, ed è proprio quello che la Rubrica Namastè vuole sottolineare, ovvero la necessità di inquadrare la persona globalmente, per migliorare il suo benessere psicofisico. Un altro elemento importante che sarà oggetto degli elaborati del dottor Ruggiero è il suo concetto di alimentazione, che passa o lo si vuole far passare attraverso il piano dietetico, ma che ha lo scopo di ripristinare i livelli energetici ottimali dell’individuo (perdita di peso o miglioramento della composizione corporea, miglioramento generale del livello di salute), puntando a sviluppare un sano rapporto con il cibo, aiutando i clienti ad ampliare il proprio concetto di salute e di cura di se stessi, obiettivi non raggiungibili solo come perdita di peso in assoluto.
Per ulteriori informazioni scrivetemi alla mail:
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Dottoressa Raffaella Marciano
Psicologa Curatrice Rubrica Namastè
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.psicologamarciano.it
Studio di Consulenza Psicologica e Psicoterapia, via G. Matteotti 16, San Valentino Torio (Sa).

Punto Vesuviani News

PuntoVesuvianiNews è un giornale online che si occupa del territorio tra Napoli, l'area Napoli Nord e i Vesuviani. 

CONTATTACI: 

redazione@puntoagronews.it

Via Nazionale, 84018 - Scafati

Tel. 3285848178